Studio Storti entra nell’Advisory Board di The Document Foundation in previsione dell’annuncio della Divisione LibreOffice

Berlino, 19 settembre 2013 – The Document Foundation (TDF) annuncia che Studio Storti, il principale fornitore di soluzioni open source per la Pubblica Amministrazione, è entrato a far parte del proprio Advisory Board. Studio Storti è pronto a lanciare una Divisione LibreOffice per offrire supporto professionale alle migrazioni da Microsoft Office a LibreOffice.

“Siamo attivi in ambiente open source dal 1997, con soluzioni a valore aggiunto focalizzate sulle esigenze della Pubblica Amministrazione. Negli ultimi tre anni, abbiamo registrato un interesse crescente verso il supporto delle migrazioni a LibreOffice, e abbiamo deciso di investire in quest’area creando una Divisione LibreOffice”, afferma Paolo Storti, AD di Studio Storti. “Intendiamo sfruttare la conferenza di Milano, dove abbiamo l’opportunità di incontrare il nucleo della comunità, per rafforzare i contatti con gli sviluppatori e con gli altri stakeholder del progetto LibreOffice”.

“Studio Storti porta all’interno dell’Advisory Board TDF un’esperienza di oltre 15 anni nelle migrazioni della Pubblica Amministrazione italiana verso le soluzioni open source”, commenta Italo Vignoli, Membro del Board of Director di TDF. “L’annuncio è estremamente importante per l’intero ecosistema, perché conferma – se mai ce ne fosse stato bisogno – che la visione di un progetto indipendente che è alla base della nascita di TDF può stimolare la crescita di terze parti che investono su LibreOffice. In Italia, potrà cambiare lo scenario delle migrazioni”.

Con l’ingresso di Studio Storti, l’Advisory Board TDF è composto da 14 membri, sei dei quali si sono aggiunti nei primi nove mesi del 2013 – AMD, CloudOn, Collabora, KACST (King Abdulaziz City of Science and Technology), MIMO (French Ministries) e Studio Storti – a quelli già attivi: FRODEV (Freies Office Deutschland e.V.), FSF (Free Software Foundation), Google, Intel, Lanedo, RedHat, SPI (Software in the Public Interest) e SUSE.

Studio Storti

Studio Storti si occupa di portare innovazione nella Pubblica Amministrazione in Italia attraverso soluzioni Open Source di qualità. L’elevata professionalità e la lunga esperienza si concentrano in due aree fondamentali per gli enti pubblici: gestione del sistema di posta elettronica e collaborazione (basata su Zimbra) e gestione del comparto Privacy. Oggi, a queste due aree si aggiunge anche il supporto su LibreOffice, e in particolare ai progetti di migrazione.

ADD YOUR COMMENT